Francesco Annunziata, detto Nellino.. e detenuto a Catanzaro.. è da un pò di mesi ormai che è tra gli autori di questo Blog, e alcuni suoi testi hanno colpito molto per l’originalità e la carica umana ed emotiva.

Oggi le sue parole si incentrano su una delle battaglie quotidiane più ricorrenti per molti detenuti.. specialmente quelli che cercano mezzi per crescere ed elevarsi.. la lotta per avere un benedetto computer..

Come sapete già dalle vicende di Alfredo Sole e di Pasquale De Feo, questa lotta spesso è molto ardua.. e ci si trova dinanzi a veri e propri muri di gomma… o a un apparato burocratismo sfibrante, anchilosato, sfiancante ed esasperante.

Dovrebbe essere dovere e anche interesse del carcere e dell’Amministrazione nel senso più ampio.. fare di tutto per agevolare lo studio e i percorsi formativi dei detenuti; e ogni altra occasione in cui essi possano acquisire competenze, aprire i propri orizzonti e mettersi in gioco. Anzi.. si dovrebbero fare “carte false” per spronare i detenuti a spendersi il più possibile in iniziative benefiche per il loro percorso futuro e per il completo emendamento da precedenti contesti criminogeni o anche semplicemente limitanti. Si dovrebbero fare “ponti d’oro” a detenuti come Alfredo Sole, Pasquale De Feo.. e  Francesco Annunziata, appunto.

Invece non si fanno né ponti d’oro, né di stagno.. li si demolisce i ponti… si creano muri e ostacoli. L’Amministrazione (parlo in generale, andando oltre  il riferimento concreto a questo o quel carcere in particolare) tende con preoccupante costanza a spegnere la spinta dei detenuti, a mortificarne le aspirazioni, a complicarne la vita.. a gravare ogni loro volontà di emancipazione con omissioni, scaricabarile, burocratismi, inadempienze..

TUTTO CIO’ COSTITUISCE UNA FORMA DI MANCANZA MORALE, DI OMISSIONE VERSO ALCUNI DEI FINI CHE SI E’ CHIAMATI A PERSEGUIRE.

Andano al caso in particolare di Nellino… in sostanza.. lui ha grande bisogno del computer, perché sta svolgendo studi di geometra, e per il tipo di materie studiate un computer è quasi essenziale.

Lui e altri hanno fatto ricorso al Magistrato di Sorveglianza di Catanzaro. Due ricorsi per la precisione. Nellino sostiene che il Magistrato di Sorveglianza abbia coscientemente “preso tempo” per non dare accoglienza alla richiesta dei detenuti e non prendere provvedimenti nei confronti del carcere.  Perché al tempo del primo ricorso (gennaio) mancava (stando alle parole di Nellino) qualunque supporto informatico nella classe in cui erano stati ubicati, e a quel punto il Magistrato non avrebbe potuto legittimare una situazione così palesemente dannosa verso il percorso formativo e scolastico dei detenuti. Una volta che, mesi dopo, sono stati ubicati in una stanza con due computer (che tra l’altro Nellino definisce non funzionanti!).. il Magistrato di Sorveglianza è intervenuto respingendo il suo ricorso..

ATTENZIONE! QUI ARRIVIAMO AL CUORE DELLA QUESTIONE.

UNO- NELLINO AVEVA FATTO RICHIESTA DI POTER ACQUISTARE A SUE SPESE UN COMPUTER PERSONALE (non di poter andare in una eventuale saletta apposita.. nella quale del resto prima i computer non c’erano proprio, e adesso ci sono ma non funzionerebbero..)

DUE- VIENE CONTESTATA ALLA RADICE LA MOTIVAZIONE CHE IL MAGISTRATO DI SORVEGLIANZA DI CATANZARO FA AL SUO DINIEGO. MOTIVAZIONE CHE E’ CONSIDERATA NON RISPETTOSA DEL QUADRO NORMATIVO AL RIGUARDO.

Al succo si tratta di questo come leggerete… Le norme che disciplinano la possibilità di autorizzare l’acquisto del computer parlano della necessità che vi siano MOTIVI DI STUDIO O DI LAVORO. Il Magistrato di Sorveglianza invece nel suo diniego sostiene che l’acquisto del computer può essere autorizzato solo per PARTICOLARI ESIGENZE DI STUDIO. MA QUESTO PARTICOLARI SEMBRA DICIAMO ESPRESSIONE DI UNA SORTA DICIAMO DI “CREATIVITA’ GIURIDICA”.. LA NORMATIVA FACENDO RIFERIMENTO  “SOLO” A MOTIVI DI STUDIO E LAVORO, SEMBREREBBE CHIARAMENTE ESCLUDERE CHE IL MAGISTRATO DI SORVEGLIANZA  DEBBA STABILIRE QUALE STUDIO E’ MERITEVOLE.

E inoltre Nellino dice in sostanza.. “e poi.. anche in tal caso.. perchè il mio studio da geometra non sarebbe MERITEVOLE e quello di altri sì?”

Nellino naturalmente ha intenzione di continuare la battaglia.. e fa benissimo. Lui ha intrapreso questo percorso di studio.. ed è giusto che possa essere messo in condizione di portarto avanti fino alla conclusione.

Vi lascio alla parte della lettera di Nellino.. dove parla di questa questione..

E alla fine troverete la riproduzione dell’atto di respingimento del Magistrato di Sorveglianza di Catanzaro.. così se volete ve lo potete studiare…:-)

—————————————————————————————————————————–

 

 

(….)

Ti informo che continuiamo a battagliare per il computer, ed abbiamo intrapreso una serie di iniziative con reclami  ecc. ecc., lettere al Presidente della Repubblica, ecc.ecc.

Ora, giusto per farti avere un’idea di che razza di mondo sia questo, ti invio gli ultimi due rigetti ad opera del Magistrato di Sorveglianza, che ti prego di rispedirmi al più presto perché sono necessari per dimostrare come qui il Magistrato di Sorveglianza si appiattisce sulle decisioni della Direzione, e non esiste in concreto l’organo di controllo.

Ti spiego in dettaglio solo alcuni punti per una maggiore comprensione del tutto.

Il mio reclamo esplicitamente richiedevo l’autorizzazione all’acquisto e all’uso di un P.C. da tenere nella camera di pernottamento.  Preciso che un reclamo è di gennaio e l’altro è di agosto. Ha risposto ad entrambi insieme. Devi sapere che al tempo del reclamo di gennaio eravamo ubicati in una classe spoglia di qualsiasi cosa, ovvero non c’erano computer. Ora siamo in una stanza dove ci sono due computer della scuola inutilizzabili. Perciò a gennaio il Magistrato di Sorveglianza non mi ha risposto, ha fatto trascorrere 8 mesi. Ci hanno spostato in questa stanza dove ci sono due computer e mi ha risposto nel modo che vedi.

Ma c’è di più, io il computer avevo chiesto di comprarlo a mie spese, e non di utilizzare quello della scuola. Quindi, ho chieso una casa e mi hanno risposto con un’altra.

IL MAGISTRATO DI SORVEGLIANZA SCRIVE CHE.. IL P.C. PUO’ ESSERE AUTORIZZATO PER PARTICOLARI ESIGENZE DI STUDIO.

FALSO!!!!

PER PARTICOLARI ESIGENZE SE LO E’ INVENTATO DI SANA PIANTA.

LA CIRCOLARE DAP 3556/6006    15 giugno 2001 e l’art. 40 r.e. o.p. non parlano assolutamente di PARTICOLARI ESIGENZE.

MA “SOLO” PER MOTIVO DI STUDIO O DI LAVORO! QUINDI SE UNO STUDIA O LAVORA E CI VUOLE IL COMPUTER, LO PUò AVERE. NON HA UN POTERE DISCREZIONALE DI STABILIRE QUALE STUDIO E’ “MERITEVOLE” DEL COMPUTER.  NON GLIELO CONCEDE LA LEGGE, E NESSUNO PUO’ DIRE CHE UNO STUDIO SCOLASTICO SIA PIU’ O MENO MERITEVOLE DI UN ALTRO. ANZI. Nel caso di specie, quale studio può essere più meritevole di avere il computer della scuola media superiore per geometra, dove ci sono prettamente materie tencniche come progettazione impianti, topografia e lingue straniere, dove è necessario l’ascolto?

Siamo intenti a scrivere anche alla Gelmini.

Inoltre vorrei chiederti di fotocopiarti i due rigetti che ti spedisco e di inviarli a Carmelo Musumeci, che io non conosco, ma che leggendo trovo  molto preparato e di chiedergli se riscontra gli estremi per un ricorso a Strasburgo, lamentando (e i rigetti ne sono la prova) che nonostante il regime di E.I.V. sia stato “abolito” e sostituito con la sigla A.S.1 , nei fatti nulla è cambiato. E nonostante la circolare D.A.P. parli di nessuna differenza nel trattamento tra i diversi circuiti AS1, AS2, AS3.. come si evince dal rigetto.. il Magistrato di Sorveglianza di Catanzaro, scrive chiaramente che certe limitazioni sono dovute all’inserimento del circuito AS1, mentre per legge non dovrebbe essere così.

Abbiamo inoltrato istanza alla Direttrice per avere un colloquio con lei. E’ andata in tutte le sezioni tranne che qui da noi. Inoltre, autorizzando un detenuto all’acquisto del computer, crea disparità di trattamento, cosa assolutamente vietata per legge. Benché questi studi giurisprudenza.. lo studio è studio sia per la laurea che per il diploma.

E poi nelle altre carceri  italiane, dove c’è l’ AS1.. hanno il computer in cella, solo qua no!

Pubblica tutta la storia del computer, è impotante.

Ti abbraccio con affetto.

Nellino

————————————————–

ee

rr

dd