Mariella D’Amico -detenuta a Lecce- alcuni di voi la ricorderanno.

Il 15 dicembre dello scorso anno pubblicammo una sua lettera che denunciava abusi che avrebbe subito.

Pochi giorni fa ci ha inviato una sua lettera, contente un breve testo di riflessioni, che ora leggerete.

 —————————————————————

Per il nostro “tanto amato” ministro

Catene, sbarre e manette, sono queste le vostre vendette!

Cari… giudici e ministri, cambierete di sicuro i nostri vizi?

Ne siete proprio convinti su ciò che fate?  Secondo noi, e non solo, ci affondate senza risolvere niente, se non nuocere solo, ed anche di più a troppa gente! Secondo voi questo è giusto?  O ci provate solo gusto?? Rovinare figli, famiglia e tutti noi, statene pur certo, toccherà anche a voi! “Sono giuste leggi”, dite, ma…  pensateci bene. E’ proprio giusto per voi come reagite?

Riflettere bene è positivo per tutti, ma per voi no!!

Ci avete solo e sempre distrutti. Gli sbagli si pagano, ed ora lo stiamo facendo noi, ma non siate tanto sicuri, perché in un modo o nell’altro, prima o poi lo farete anche voi. Dio c’è!

… Sbaglierete… forse per altri motivi, ma lo avete già fatto, ed ancora lo farete… E sarà troppo tardi anche per voi, tanto che alla fine, quanto noi piangerete!!!

Ehi sì! Ora siamo noi a pagare, ma se è vero che gira il mondo, arriverete anche voi a toccare il fondo. Chiederete aiuto anche voi, ma non tutti vi crederanno e, nei vostri guai, vi lasceranno, e se ci saremo anche “noi”, sarà ancora più bello! Brinderemo felici, perché non ci sarete più voi, a farci marcire, ma ci sarà qualcuno che abbia un po’ più di cuore, che ci lascerà finalmente vivere la nostra vita, il nostro sogno, perché capirà il nostro tanto atteso e desiderato bisogno.

Bisogno di goderci le nostre famiglie, senza vizi e senza “bastiglie”!

Ora basta, non spreco per Voi più inchiostro, perché, caro ministro, non ne vale la pena per chi è stato solo e sempre UN MOSTRO!!!

D’Amico Mariella