Alfredo Sole fa da sempre parte dell’anima di questo Blog, anche se passano lunghissimi periodi in cui non scrive nulla per il Blog (privatamente invece ci sentiamo).

Recentissimamente ho pubblicato un suo pezzo (vai al link.. http://urladalsilenzio.wordpress.com/2011/04/24/tre-mesi-di-alfredo-sole/).

Oggi pubblico una sua poesia.

Le sue poesie sono spesso lancinanti e violentissime… uno squarcio sul buio dell’anima.. come quella, memorabile, chiamata Silenzio, dove in vertiginose atmosfere e simbolismi rievoca i momenti di “caduta” che lo hanno portato in carcere (vai al link…http://urladalsilenzio.wordpress.com/2010/05/19/silenzio-di-alfredo-sole/).

Adesso vi lascio a questa nuova poesia di Alfredo Sole.

OLTRE IL MURO

Giochi di luci  al Sol Levante

ombre proiettate sulla parete

nella fredda cella al baciar

del sole le sbarre.

Uno sguardo contempla l’innalzarsi

del lucente disco. Suscita

sopiti ricordi. Infanzia, adolescenza,

un accenno a divenir uomo.

Ricordi felici sì, di una breve

esistenza, poi, il nulla!

Si innalza il Sole nel suo silenzioso

cammino. Distogliendomi dai felici

ricordi. Lo sguardo si posa sul

muro: alto, lungo, freddo nel suo

apparire. Stravolge impetuoso i miei

pensieri. Mostro! Che divora

ogni umana speranza, lascia

almeno che il mio sguardo possa andare

oltre. Oltre il muro.

Lascia correre i miei pensieri verso

la vita. Oltre il muro.

Lasciami immergere nella

gioia dell’esistenza.

Lasciami sognare un sogno che

non svanisca al primo tintinnar

di catene.

Alfredo Sole