MUS-ANTOPO-MACHIA

Qualcuno ha detto che in questo Blog scarseggiamo sul genere epico-mitologico.

E non ha tutti i torti.

Ma ecco un testo che viene a riscattarci di quest’onta.

Il nostro Claudio Conte, detenuto a Catanzaro, racconta di un momenti che resterà negli annali dell’eterna battaglia dell’uomo contro le forze che l’opprimono.

Qui si narra… al dunque.. dell’epica battaglia tra il detenuto Raffaele e un micidiale topo.

Il mondo non sarà più lo stesso.

Oggi 9 novembre 2011 si è svolto l’epilogo di uno scontro che potremmo definire titanico… riconducibile all’interno di quella lotta… che vede impegnato l’uomo  ormai da secoli… in ogni luogo… incluso il carcere di Catanzaro.

L’episodio merita di essere affidato alla memoria comune affinché sia custodito gelosamente, per le future generazioni… affinché conoscano l’inizio della fine, a conferma che in una contrapposizione con l’uo0mo non c’è specie che tenga.

Ieri mattina vidi arrivare Rocco con espressione grave e preoccupata e mi informa che c’era stato uno scontro sanguinario nella sezione dove siamo reclusi, tra R. (per privacy omettiamo il nome..:-)) e un topo.

Un ratto vero, quelli di fogna per intenderci. E che nonostante entrambi fossero di notevole stazza, R aveva avuto la peggio.. :-(.

Rocco mi riferiva inoltre che R. era stato morso a un dito (il medio) mentre R. cercava di catturarlo con le mani (ma questa è solo la sua versione).

Versione che R. smentisce, e parla di un attacco ingiustificato da parte del topo, che poi si è trasformato in un vero incontro di box, con colpi che andavano e venivano, ma che alla fine ha vinto lui poichè l’avversario.. uno, l’ha morso (come Mike Tyson) e quindi è da squalificare, e due.. ha abbandonato il ring scappando.. Dunque la vittoria era sua al 100%.

La preoccupazione di tutti, naturalmente, non era tanto per l’esito dell’incontro, quanto per la salute. Temeva più che altro per un’infezione. Infezione che R. aveva a suo dire impedito disinfettandosi il dito nel detersivo per pavimenti.

Allertata l’area sanitaria anche dall’agente di sezione, R. è stato chiamato per la medicazione, quando eravamo già scesi al “passeggio”, ed è ritornato dopo un certo tempo. Al che Rocco e altri compagni si sono avvicinati intorno ad R., per sapere come è andata.

E come un reduce di guerra mostra alle folle plaudenti le ferite ricevute per amor di patria, così R. mostrava ai presenti la sua ferita, rimanendo al centro in posa plastica, col dito medio alzato.. :-).

E dicendo che.. no… antitetanica non gliene avevano fatta, ma che il dottore (sosteneva lui…) gli aveva consigliato di … tenere il dito in un posto… caldo. E naturalmente tutti siamo scoppiati a ridere.

Ma, battute a  parte, la notizia è però un’altra, quella di un triste evento.

E così, con rammarico e dolore, devo annunciare di come, stamattina, purtroppo, sia stato trovato il corpo esanime del “povero” ratto, che a quanto pare non è riuscito a sopravvivere al contatto-contagio (letale) avuto con R. quando gli ha dato un morso il giorno prima.

Naturalmente siamo cercando di tenere la notizia riservata, finchè sarà possibile, perchè diversamente scatterebbero tutta una serie di esami ed esperimenti sul nostro R., dal quale i Governi certamente cercheranno di estrarre  e sintetizzare chimicamente la sostanza letale, per vincere (facile) la lotta contro l’invasione di ratti che sta flagellando alcune parti del mondo.

Nel frattempo, noi tutti, invece, ci raccogliamo intorno alla famiglia di “Mike-Mouse”, ricordando i tanti bei momenti passati insieme… e com’era veramente un essere speciale!

Addio Mike-Mouse… ci mancherai…

da tutti noi….. (R. incluso….)

Claudio Conte

P.S.: Fabio ha pensato  di dedicargli una torta…:-)

Catanzaro 9 novembre 2011

P.S. II: nota di Alfredo.. si era semi cancellata le due riche finali, scritte  a penna, di questo testo di Claudio Conte.. ora.. ricorrendo alla Scientifica, sono riuscito a ricostruirle.. il loro contenuto è.. “R. è Raffaele, ha detto che alla fine puoi mettere il suo nome..”…Bene.. adesso allora tutti sapete che il protagonista di questo epico scontro è Raffaele..