Ares

Il nostro Gino Rannesi, detenuto a Nuoro, risponde ai commenti che gli sono giunti negli ultimi tempi.

——————————————————————————-

Risposte a commenti da parte di Giro Rannesi..

–SALVATORE: Caro Turi, ho letto quanto hai scritto in maggio 2014. Scrivi: “Ma io sono certo che indietro non tornerete”. Hai detto bene, indietro non si torna. Certo, sarà dura. Tu come me conosci quel detto catanese che fa così: “U catanisi si futti na vota sula”. Scrivi “Un saluto da tre quarti del quartiere…”. Che fine ha fatto il quarto mancante? Hai letto il mio invito ad abbonarsi all’Associazione Fuori dall’Ombra? Bene, dì pure che presto tornerò a giocare a pallone. Un forte abbraccio. Gino.

–ENZO: Ciao Enzo, leggo quanto hai scritto in 2 maggio 2014. Scrivi: “Tutte le volte  che vado a pesca con 5 canne a mulinello, la 5° la apro pensando che la stai usando tu”. Bene tienila sempre pronta, non si sa mai che a breve io possa bussare alla porta di casa tua. Riguardo al posto in cui sono stato seppellito, la parola migliore è quella che non si dice (indietro non si torna). Un forte abbraccio. Tuo amico Gino. PS: L’abbonamento all’Associazione Fuori dall’Ombra serve per aiutare a dare voce a chi non ne ha.

–CELESTE: Così,  maggio 28  2014, “Ciao Gino. E’ sempre un piacere, anche se si percepisce che sei amareggiato e arrabiato”. Ciao pupa Celeste, cero sono arrabbiato e anche parecchio arrabbiato, perché la mia assegnazione in questo posto la vivo come una istigazione a delinquere. E’ pazzesco! In un posto molto ristretto hanno ammucchiato una moltitudine di ergastolani (pazzi!). Scrivi: “Per tuo figlio sei il suo guerriero…”. Questa è la cosa che più mi spaventa. Ti abbraccio affettuosamente. Gino.

–LUCIANO: Ciao carissimo Luciano, ritrovarti è stato un vero piacere. Davanti a me quanto hai scritto in maggio 29 2014: “Vorrei  scriverti tante di quelle cose, in merito alla società e non solo”. Conoscendo la persona preparata quale tu sei, posso immaginare. Grazie per il consiglio, ma a tal proposito voglio tranquillizzarti: nella parete del mio letto c’è una gigantografia che raffigura Nicholas… a  presto di presenza. Baci. Gino.

–ROSSANA: Ciao Rossana cara. Rileggo quanto hai scritto in maggio 20  2014. Scrivi: “Anch’io mi chiedo perché non rispettano la famiglia, facilitando loro il già difficile percorso morale e logistico…”. La tua sacrosanta considerazione mi fa pensare che tu sia una brava donna. Non è che avessi dei dubbi. Ah, io la risposta ce l’avrei, e siccome in quanto criminale coglierei nel segno, è meglio tacere (“chiuderebbero il Blog”). Gente frustrata e infelice. Un forte abbraccio e baci. Gino.

–PINA: Ciao Pinuzza. Con tanto piacere rileggo quello che hai scritto in maggio 20   2014. Per la miseria, ce l’hai fatta. Finalmente sei in Australia. Congratulazioni per l’arrivo di Luna. Per quanto riguarda il mio pellegrinaggio da un posto all’altro, è probabile che tu abbia ragione: “sono silurati mentalmente”. Ma io non credo sia stata una scelta felice. Vedrai che quanto prima mi cacceranno anche da questo posto. Bene, ti abbraccio forte. Gino.

–ALESSANDRA LUCINI: davanti a me quello che hai scritto in maggio 20 2014: “Fa pensare  che io speravo di chiudere gli occhi su un mondo migliore”. Aoh, ma perché dovresti chiudere gli occhi? Comunque ho capito quando dici che l’imbarbarimento della società è pericoloso. Dici una cosa sacrosanta. E allora mi viene da pensare. Ma non erano i criminali ad essere considerati barbari? Ora, dico io, ma una società barbara a chi giova, a chi gioverebbe? Per quanto riguarda la mia di lotta, come sai non ho mai dormito. Riposo ma non dormo. Tra una arrabbiatura e l’altra mi sto curando a dovere. Sono in ottima forma. Non mi farò cogliere impreparato. Nella mia  testa tanta confusione, ma non una sola certezza. Indietro non si torna. A presto e porta una amica. Baci. Gino.

–VALERIA: Non ricevo tua posta da una decina di giorni e questo fatto mi rende nervoso. Si lo so, è il lavoro… e allora a presto, un forte abbraccio. Baci. Gino.

–NICHOLAS: Ciao amore mio. Poche righe per dirti che sai tutta la mia vita e che non vedo l’ora di rivederti. Un abbraccio alla tua mamma. Ti amo immensamente. Papà.

Approfitto di questo spazio per salutare Giusi, Adriana, Maurizio, Francesca, Giuseppe, Davide, Santina, ecc.ecc. Altresì per ricordare agli amici e ai parenti che è tempo di abbonarsi all’Ass. Fuori dall’Ombra. Grazie. Vostro Gino.